Imprenditoria giovanile e femminile

logo-invitaliaIn data 8 luglio 2015 con Decreto Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, è stato adottato il Regolamento recante criteri e modalità di concessione alle agevolazioni volte a sostenere nuova imprenditorialità in tutto il territorio nazionale.

Nel Regolamento vengono individuati i criteri e le modalità attraverso le quali vengono concesse agevolazioni a sostegno della nuova imprenditorialità attraverso la creazione di micro e piccole imprese competitive, a prevalente o totale partecipazione giovanile o femminile. Tali agevolazioni vengono elargite dal Soggetto gestore che il Ministero ha individuato nell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. – Invitalia.

 

Possono inoltre richiedere le agevolazioni le persone fisiche che intendono costituire un’impresa purché esse, entro e non oltre 45 giorni dalla ricezione della comunicazione di ammissione alle agevolazioni inviata ai soggetti richiedenti da Invitalia, facciano pervenire la documentazione necessaria a comprovare l’avvenuta costituzione dell’impresa e il possesso dei requisiti richiesti per l’accesso alle agevolazioni.

INIZIATIVE AMMISSIBILI

Sono ammissibili alle agevolazioni le iniziative che prevedono programmi di investimento da realizzare in tutto il territorio nazionale con spese non superiori a €1.500.000,00 promossi nei settori elencati:

  1. produzione di beni nei settori dell’industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli;
  2. fornitura di servizi alle imprese e alle persone;
  3. commercio di beni e servizi;
  4. turismo;
  5. settori, di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti:
  • attività turistico-culturali, intese come attività finalizzate alla valorizzazione e alla fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, miglioramento dei servizi per la ricettività ed accoglienza;
  • l’innovazione sociale, intesa come produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali o soddisfano nuovi bisogni sociali, anche attraverso soluzioni innovative.

 

SPESE AMMISSIBILI

 

Sono ammissibili spese relative all’acquisto di beni materiali ed immateriali e servizi necessari alle finalità del programma, sostenute dall’impresa successivamente alla data di presentazione della domanda. Tali spese riguardano:

  1. suolo aziendale;
  2. fabbricati, opere edili/murarie, comprese le ristrutturazioni;
  3. macchinari, impianti ed attrezzature nuove di fabbrica;
  4. programmi informatici e servizi per le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa;
  5. brevetti, licenze e marchi;
  6. formazione specialistica dei soci e dei dipendenti del soggetto beneficiario, funzionali alla realizzazione del programma;
  7. consulenze specialistiche.

Alle spese ammissibili sono applicate dei limiti, divieti e condizioni.

 

 

SOGGETTI BENEFICIARI

 

I soggetti beneficiari delle agevolazioni sono le imprese:

  1. costituite in forma societaria, comprese le società cooperative;
  2. la cui compagine societaria è composta, per oltre la metà numerica e di quote di partecipazione, da soggetti di età compresa tra i 18 e i 35 anni, oppure da donne;
  3. costituite da non più di 12 mesi dalla data di presentazione della domanda di agevolazione;
  4. di micro e piccola dimensione.

Per poter accedere alle agevolazioni le imprese dovranno compilare un apposito schema di domanda nel quale dovranno dimostrare oltre ai punti precedenti, di:

  1. essere regolarmente costituite ed iscritte nel Registro delle Imprese;
  2. avere sede legale e operativa ubicata nel territorio nazionale;
  3. essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere in liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali.

FORMA E MISURA DELL’AIUTO

 

Le agevolazioni sono concesse ai sensi e nei limiti del Regolamento de minimis n. 1407/2013 e assumono la forma di un finanziamento agevolato per gli investimenti, a tasso pari a zero, della durata massima di 8 anni e di importo non superiore al 75% della spesa ammissibile.

 

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE E DEI PIANI DI IMPRESA

Le agevolazioni sono concesse sulla base di procedura valutativa con Procedimento a sportello.

Le domande di agevolazione possono essere presentate ad Invitalia a partire dal giorno 13 gennaio 2016. L’eventuale esaurimento delle risorse disponibili comporta la chiusura dello sportello.

Per l’assistenza riguardo alla procedura di presentazione delle domande, la società  ConfESEB è a vostra completa disposizione.

Dott. Gaetano Russo

11 commenti su “Imprenditoria giovanile e femminile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: